ADORATE ADORATE, IO PREFERISCO MARCIRE ALL’INFERNO CON LA MIA ANIMA LIBERA!!!

Davanti all’entrata di una chiesa del mio paese c’è una scritta che recita “Venite e adoriamo”. Che i cattolici alla stregua degli antichi pagani venerassero santoni e padre figlio e spirito santo lo sapevo, ma scriverlo su una stoffa violacea e appenderlo così in bella mostra mi sa tanto di setta e lavaggio del cervello. Ma il punto è chi … Continua a leggere

Il mio 19 maggio

Dopo quasi 4 giorni di lavoro, beh non interi ma intermezzati con il tirocinio, ho completato il mio regalo per lui. Si tratta di una scatola in cartapesta a forma di cuore, rivestita di carta crespa rossa, rifinita con delle roselline e un fioccheto e all’interno dei biscotti a cuore ricoperti di cioccolato. Era da tanto che non usavo la tecnica … Continua a leggere

I miei 5 anni con te!

Mancano 13 minuti e poi ti telefonero’ per farti gli auguri… Penso ai questi quasi cinque anni passati insieme e alla voglia matta che ho di te. Ritorno indietro a rivivere quei momenti, a volte impacciati, a volte pazzi, a volte tristi, a volte da filmone romantico con tanto di colonna sonora, a volte da bollino rosso… Rido se penso a quante ne … Continua a leggere

Incubi bleah!!!

Di incubi ne ho fatti sempre tanti in vita mia e alcuni davvero strani, a cui ho sempre cercato di dare un significato, un motivo, un senso. L’onirico mi ha sempre affascinato non a caso la mia tesina del 5° anno di liceo si intitolava “L’influenza della psicanalisi sulla cultura novecentesca e il sogno” il che mi portò a leggere … Continua a leggere

Jalla! Jalla!

Regia e sceneggiatura: Josef Fares Nazionalità: Svezia, 2000 Durata: 1h. 37′ Il ventiquattrenne Josef Fares, libanese ma in Svezia dal 1987, chiama a raccolta i parenti (padre, nonna, madre, sorelle, zii e fratello), tutti interpreti del film. E’ una famiglia, ma anche una comunità, quella libanese, che si racconta. Narrazione. Jalla! Jalla! narra di un contrasto generazionale che a sua … Continua a leggere

Il castello sulla collina

E’ Ruggero D’Altavilla che costruì il maestoso castello sulla rupe lavica di Paternò ed è sempre lo stesso Ruggero che fece costruire a scopo difensivo i castelli di Adrano, Motta, Troina, Nicosia e in tanti altri comuni dell’isola. Secondo le affermazioni del coevo monaco benedettino Goffredo Malaterra, il castello di Paternò sorge su alcuni resti di una costruzione araba fatta … Continua a leggere

…Alchimia di sangue e poesia…

Posto un articolo, col permesso dell’autore Piero Martiradonna, che ho trovato davvero molto interessante oltre che puntuale e ben scritto, dove si “sente” la passione per questo genere musicale e per il Portogallo. IL FADO Quando cantare fa male. Bisogna abbandonarsi completamente al suo fascino malinconico, lasciarsi cullare dalla sue note struggenti per scoprire l’anima più segreta di Lisbona, che soltanto il … Continua a leggere

Grazie pirati!

Il mio pre-esame (solo metà del programma) di storia moderna è andato benissimo e vi ringrazio per ogni in bocca al lupo e augurio, siete stati dolcissimi! Ero spaventatissima, prima di entrare ho avuto il tempo di ripassare tutto ma non ricordavo nulla. E’ la mia ventisettesima materia, ma all’inizio di ogni sessione è così e poi sono molto pignola per gli … Continua a leggere

Il mio 1° Maggio

Ho studiato per tutto il giorno, alle 19.30 sono uscita per andare al concerto organizzato nel mio paesello dal centro-sinistra. Quando sono arrivata un cantastorie stava raccontando la storia di Turiddu, che in verità non conosco molto bene, ma mi informero’ e magari qualche giorno la racconto pure a voi. Poi ha suonato il gruppo di un mio amico e … Continua a leggere